News ENG

IMAGE Birthday of Planet Walk - Sunday, August 24, 2014
Wednesday, 30 April 2014
Monte Terminillo - Sunday, August 24, 2014 event h. 11,00 Piazzale Tre Faggi - Monte Terminillo Read More...
IMAGE Public Presentation Websites - May 29, 2014
Wednesday, 30 April 2014
Hotel Quattro stagioni - 18.00 www.sentieroplanetario.it www.rieticultura.net Read More...

Sole     Mercurio    Venere    Terra    Marte    Giove    Saturno    Urano     Nettuno     Plutone      I Tabelloni     

The Sun - The Sun, of a vital importance for the inhabitants of the planet Earth, is a star of medium dimension similar to other stars. Its predominant role in the formation of the Earth and in theImmagine2 evolution of all the organisms is due to its nearness. At the distance of 150 million kilometres, sunlight takes only 8.3 minutes to reach the Earth. With light, the Earth is also reached by heat and other forms of solar radiations which nourishe life on earth and guide many physical prolesses on our planet.
About 4.6 billion years ago a nebula, a big cloud of gas and dust, became sufficiently dense that its gravity began to push the hydrogen and other substances into a nebula even more compact which spun taster. The cloud callasped spinning on itself faster and faster until fragments starter to breakaway. These fragments became planets and their moons. The Sun contains enough hydrogen which has kept the production of energy relatively constant for the major part of its 6 billion years of history, and it is very likely to continue for another 5 billion years to come.
Surface and atmosphere of the sun
In the centre, the Sun has a temperature of 15.000.000 C°, on its visibile surface the temperature is about 6.000 C°. In the end however all the nucleo hydrogen will be transformated into helium. When this happens, the Sun will start to die. The Sun's existance will finish like a cold, black, tiny speck. In the radiative zone there is no thermal convection; while the material grows cooler as altitude increase, this temperature gradient is less than the value of adiabatic lapse rate and hence cannot drive convection. Heat is transferred by radiation-ions of hydrogen and helium emit photons, which travel only a brief distance before being reabsorbed by other ions. The density drops a hundredfold from the bottom to the top of the radiative zone. In the Sun's outer layer, from its surface down to approximately 200,000 km ,the solar plasma is not dense enough or hot enough to transfer the heat energy of the interior outward through radiation (in other words it is opaque enough). As a result, thermal convection occurs as thermal columns carry hot material to the surface (photosphere) of the Sun. Once the material cools off at the surface, it plunges downward to the base of the convection zone, to receive more heat from the top of the radiative zone. The visible surface of the Sun, the photosphere, is the layer below which the Sun becomes opaque to visible light.Above the photosphere visible sunlight is free to propagate into space, and its energy escapes the Sun entirely. The change in opacity is due to the decreasing amount of H− ions, which absorb visible light easily. The parts of the Sun above the photosphere are referred to collectively as the solar atmosphere. They can be viewed with telescopes. Above the temperature minimum layer is a layer about 2,000 km thick, dominated by a spectrum of emission and absorption lines.It is called the chromosphere from the Greek root chroma, meaning color, because the chromosphere is visible as a colored flash at the beginning and end of total eclipses of the Sun. The temperature in the chromosphere increases gradually with altitude, ranging up to around 20,000 K near the top. In the upper part of chromosphere helium becomes partially ionized. The corona is the extended outer atmosphere of the Sun, which is much larger in volume than the Sun itself. The corona continuously expands into the space forming the solar wind, which fills all the Solar System. While no complete theory yet exists to account for the temperature of the corona, at least some of its heat is known to be from magnetic reconnection.
Terrestrial Planets and Mercury:
The terrestrial Planets are classified thus because: 1.they have an outer covering, the crust, made up of rocks; 2. they have small mass, few or no satellites and low speed of rotation ( the motion of a planet around an axis ); 3. they have density on average more than 5 times that of water ( the densest planet is the Earth, 5.5g/cm^3). Terrestrial planets are the four inner planets: Mercury, Venus, Earth and Mars.
Mercury is the innermost and smallest planet in the Solar System, with a diameter of 4.878 km and orbiting the Sun once every 87,97 days. It completes three rotations about the axis for every two orbits. The perihelion of Mercury's orbit precesses around the Sun at an excess of 43 arcseconds per century. Mercury is bright when viewed from Earth, ranging from −2.3 to 5.7 in apparent magnitude, but is not easily seen as its greatest angular separation from the Sun is only 28.3°. Since Mercury is normally lost in the glare of the Sun, unless there is a solar eclipse, Mercury can only be viewed in morning or evening twilight. The mean surface temperature of Mercury is 442.5 K, but it ranges from 100 K to 700 K, due to the absence of an atmosphere and a steep temperature gradient between the equator and the poles. Mercury is similar in appearance to the Moon: it is heavily cratered with regions of smooth plains, has no natural satellites and no substantial atmosphere. However, unlike the moon, it has a large iron core, which generates a magnetic field about 1% as strong as that of the Earth.
Venus
Venus is the second-closest planet to the Sun. After the Moon, it is the brightest natural object in the night sky, reaching an apparent magnitude of −4.6, bright enough to cast shadows and easily seeable. Classified as a terrestrial planet, it is sometimes called Earth's "sister planet" because they are similar in size, gravity, and bulk composition. Venus is covered with an opaque layer of highly reflective clouds of sulfuric acid, preventing its surface from being seen from space in visible light.
Venus has equatorial diameter of 12.104 km and the distance from Sun are as follows: 0,72 AU perihelion and aphelion 0,73 AU.
Venus has the densest atmosphere of all the terrestrial planets, consisting mostly of carbon dioxide, as it has no carbon cycle to lock carbon back into rocks and surface features, nor organic life to absorb it in biomass. The CO2-rich atmosphere, along with thick clouds of sulfur dioxide, generates the strongest greenhouse effect in the Solar System, creating surface temperatures of over 460 °C (860 °F). This makes Venus's surface hotter than Mercury's which has a minimum surface temperature of −220 °C and maximum surface temperature of 420 °C.
The Earth: THE BLU PLANET
Earth (or the Earth) is the third planet from the Sun, the fifth-largest and the densest of the eight planets in the Solar System. Home to millions of species including humans, Earth is the only place in the universe where life is known to exist. Earth has two main movement. Earth's rotation is the rotation of the solid Earth around its own axis. The Earth rotates towards the east. As viewed from the North Star Polaris, the Earth turns counter-clockwise. The velocity of the rotation of Earth has had various effects over time, including the Earth's shape (an oblate spheroid), climate, ocean depth and currents, and tectonic forces.Then, there's the Earth's orbit, which is the motion of the Earth around the Sun, at an average distance of about 150 million kilometers. This variation in the climate (because of the direction of the Earth's axial tilt) results in the seasons. Earth has just one satellite . the Moon.

 

emisf. boreale (nord)

emisf. australe (sud)

inizio

durata

primavera

autunno

21 marzo

93 giorni

estate

inverno

21 giugno

93 giorni

autunno

primavera

23 settembre

90 giorni

inverno

estate

22 dicembre

89 giorni

The Moon: THE SILVER STAR
The Moon is Earth's only natural satellite and is the only celestial body on which humans have made a manned landing. Since the Apollo 17 mission in 1972, the Moon has been visited only by unmanned spacecraft. Despite being the brightest object in the sky after the Sun, its surface is actually very dark, with a similar reflectance to coal. The Moon makes a complete orbit around the Earth with respect to the fixed stars.However, since the Earth is moving in its orbit about the Sun at the same time, it takes slightly longer for the Moon to show the same phase to Earth.The Moon hasn't an atmosphere and liquid water cannot persist at its surface,so water vapour quickly evaporates, breaks up through photodissociation due to sunlight, and is lost to space. It is situated at the distance of 384.403 kilometres from the Earth.
Mars: THE RED PLANET
It is often described as the "Red Planet", as the iron oxide prevalent on its surface gives it a reddish appearance. Its equatorial diameter is 6.787 km and the distance from the Sun at perihelion and aphelion are 1,38 AU and 1,67 AU.
Mars is a terrestrial planet with a thin atmosphere, having surface features reminiscent both of the impact craters of the Moon and the volcanoes, valleys, deserts, and polar ice caps of Earth. Mars' rotational period and seasonal cycles are likewise similar to those of Earth. Martian surface temperatures vary from lows of about -87 °C during the polar winters to highs of up to 20 °C in summers. Mars has two tiny natural moons, Phobos and Deimos, which orbit very close to the planet. Their known composition suggests the moons are captured asteroids but their origin remains uncertain.
The Jovian planets and Jupiter - The lord of heaven
The Jovian planets are classified so because: lack of a solid; large mass, several satellites and high speed (motion of the planet around an axis); density, on average, 1.2 times that of water (the planet Saturn is less dense than 0.7 g/cm3). Are the four outer planets: Jupiter, Saturn, Uranus, Neptune.
Jupiter is the fifth planet from the Sun and the largest planet within the Solar System, presents the overall diameter of 142.800 km. Jupiter's upper atmosphere is composed of about 88–92% hydrogen and 8–12% helium by percent volume or fraction of gas molecules. The atmosphere contains trace amounts of methane, water vapor, ammonia, and silicon-based compounds. There are also traces of carbon, ethane, hydrogen sulfide, neon, oxygen, phosphine, and sulfur. Jupiter is 2.5 times the mass of all the other planets in our Solar System combined , this is so massive that its barycenter with the Sun lies above the Sun's surface.
Jupiter is thought to consist of a dense core with a mixture of elements, a surrounding layer of liquid metallic hydrogen with some helium, and an outer layer predominantly of molecular hydrogen. The best known feature of Jupiter is the Great Red Spot, a persistent anticyclonic storm located 22° south of the equator that is larger than Earth. It is known to have been in existence since at least 1831, and possibly since 1665. Mathematical models suggest that the storm is stable and may be a permanent feature of the planet. The storm is large enough to be visible through Earth-based telescopes with an aperture of 12 cm or larger. Jupiter has the largest planetary atmosphere in the Solar System, spanning over 5000 km in altitude. As Jupiter has no surface, the base of its atmosphere is usually considered to be the point at which atmospheric pressure is equal to 10 bars, or ten times surface pressure on Earth. The axial tilt of Jupiter is relatively small: only 3.13°. As a result this planet does not experience significant seasonal changes. Jupiter's rotation is the fastest of all the Solar System's planets, completing a rotation on its axis in slightly less than ten hours; this creates an equatorial bulge easily seen through an Earth-based amateur telescope. Jupiter has 63 named natural satellites. Of these, 47 are less than 10 kilometres in diameter and have only been discovered since 1975. The four largest moons, known as the "Galilean moons", are Io, Europa, Ganymede and Callisto.
Saturn: The Elegant Planet
Saturn is the sixth planet from the Sun and the second largest planet in the Solar System, after Jupiter. Its equatorial diameter is 120.000 km and the distance from the Sun at perihelion and aphelion are 9,01 AU and 10,07 AU. Saturn, along with Jupiter, Uranus and Neptune, is classified as a gas giant. The planet Saturn is composed of hydrogen, with small proportions of helium and trace elements. The interior consists of a small core of rock and ice, surrounded by a thick layer of metallic hydrogen and a gaseous outer layer. The outer atmosphere is generally bland in appearance, although long-lived features can appear. Wind speeds on Saturn can reach 1,800 km/h. Saturn has a planetary magnetic field intermediate in strength between that of Earth and the more powerful field around Jupiter. Saturn has a prominent system of rings, consisting mostly of ice particles with a smaller amount of rocky debris and dust. Sixty-one known moons orbit the planet, not counting hundreds of "moonlets" within the rings. Titan, Saturn's largest and the Solar System's second largest moon,is larger than the planet Mercury and is the only moon in the Solar System to possess a significant atmosphere.
Uranus - the "laying" planet
Uranus is not visible by naked eye and it was incidentally discovered with the telescope by Wilhelm Friedrich Herschel in 1781. Its equatorial diameter is 50.800 km and the distance from the Sun at perihelion and aphelion are 18,28 AU and 20,09 AU. It is the only planet to have the rotation axle laying practically on the plane of the orbit around the Sun, and it seems to slide on his orbit. Because of this characteristic, Uranus turns one f his poles to the Sun, alternating each pole every 40 years. Just as Venus it rotates in retrograde sense. The inside of the planet should be made up of three layers: a superficial layer where molecular hydrogen prevails, an intermediate layer which is liquid and a rocky nucleus. In his atmosphere beyond hydrogen are present elements like helium and methane , which is the main responsible for the turquoise shade of the planet. Around Uranus are now visible numerous rings and 27 satellites (the best known is Ariel).
Neptune: the windy planet
Neptune is not observable by naked eye. It was discovered in 1846 but the existence of the eighth planet had been previously conjectured by observing the perturbation of Uranus around the Sun. Our knowledge about Neptune are quite limited. It is a little smaller than Uranus and it is surrounded by a system of rings. Its equatorial diameter is 48.600 km and the distance from the Sun at perihelion and aphelion are 29,80 AU and 30,32 AU.
It has the characteristic of rotating around the Sun with the axle almost perpendicular to the plane of the orbit. In the atmosphere are present hydrogen, helium and methane and we can observe a band structure simile to Jupiter's. The blue color of the planet is due to the presence of methane in the atmosphere. Violent storms, long chains of clouds and cyclones have been observed, in addition to a ten of satellites, the biggest is Triton.
Pluto: the frozen planet
August of 2006, the International Astronomical Union, the main international association of astronomers, gathered in Prague, degraded it to the rank of dwarf planet but, before that it had been the ninth planet of the Solar System. From its discovery, in 1930, Pluto has represented a mystery to the Solar System. The "status" of planet had already been doubted in 1992, when the astronomers noticed the presence of another frozen object beyond the orbit of Neptune, and immediately after were discovered a hundred of simile objects which were forming a band just like the one of the asteroids, present between Mars and Jupiter, but much larger and solid, the Kuiper belt. The fundamental characteristics of Pluto are: it is distant almost more than 40 times to the Sun than the Earth, and the light that it reflects is 10.000 times less strong to that visible by naked eye from the Earth; the time it takes to complete an orbital revolution is 248 terrestrial years (from the French Revolution it hasn't completed his orbital revolution yet!); his mean superficial temperature is calculated to be around -210°C and it is so low to provoke the solidification of the most of the gas that are present in case. Pluto can be described as a dirty ball of ice. Around Pluto rotates Charon, a satellite discovered in 1978. Pluto and Charon form together a binary system and move in a way so that Charon is always found in correspondence to the same region of Pluto; 4. the orbit of Pluto is considerably squashed on the major axle, for this reason it is possible that it could transit in the orbit of Neptune, as occurred in 1979 until February of 1999. In spite of this there is no probability that the two planets collide, because the corresponding orbital planes are inclined and then the orbits don't really intersect.

Sole e Pianeti - I TabelloniImmagine2

Il Sole - Il Sole, di vitale importanza per gli abitanti del Pianeta Terra, è una stella di medie dimensioni, simile alle altre stelle. Il suo ruolo predominante nella formazione della Terra e nell'evoluzione di tutti gli organismi è dovuto alla sua vicinanza. Alla distanza media di 150 milioni di chilometri la luce impiega solo 8,3 minuti per raggiungere la Terra. Con la luce arrivano il calore e altre forme di radiazioni solari che nutrono la vita sulla Terra e guidano molti dei processi fisici sul nostro pianeta. E' una sfera con un raggio di 700.000 Km (circa 110 volte più grande di quello terrestre) un volume pari a 1.300.000 volte di quello della Terra.
Il nucleo è la sede delle reazioni termonucleari che convertono idrogeno in elio e producono energia. Ha una temperatura di circa 15.000.000 °C.
Nella zona radioattiva, l'energia prodotta nel nucleo viene assorbita dagli atomi di gas che la emettono verso l'esterno (come il calore che proviene dai termosifoni).
Nella zona convettiva, movimenti di grandi masse di gas trasferiscono il calore dalla zona radiativa verso la superficie del Sole, per convezione (movimento analogo all'acqua che bolle in una pentola).
Superficie ed atmosfera del Sole
La superficie del Sole è detta fotosfera, ha un colore giallo, dovuto alla temperatura, che è di circa 6000°C;presenta dei granuli costituiti da masse di gas più calde delle zone circostanti. Sono presenti anche le cosiddette macchie solari (aree depresse più scure e più fredde con temperatura di 5000°C).
L'atmosfera è distinta in due strati:
la cromosfera, un involucro trasparente di gas incandescente che avvolge la fotosfera;dalla cromosfera si innalzano le protuberanze, lingue luminose di gas che raggiungono altezze variabili tra 20 000 e 40 000 km.
la corona, un involucro di gas ionizzati (cioè gas i cui atomi possiedono una carica elettrica) che si estende per migliaia di chilometri. Nelle sue parti più esterne le particelle elettrizzate si staccano e si disperdono nello spazio come vento solare. Il vento solare investe anche la Terra, che ne rimane difesa grazie alla presenza del campo magnetico terrestre (provoca le famose aurore boreali).
I Pianeti Terrestri : Mercurio
I pianeti "terrestri" vengono classificati così perchè: 1) hanno un rivestimento esterno, crosta, costituito da rocce; 2) massa piccola, nessuno o pochi satelliti e bassa velocità di rotazione ( moto del pianeta intorno ad un asse ); 3) densità, in media, superiore a 5 volte quella dell'acqua (il pianeta più denso è la Terra 5.5 g/cm3 ). Sono i 4 pianeti interni: Mercurio, Venere, Terra, Marte.
Mercurio è il più piccolo dei pianeti del Sistema Solare, con diametro equatoriale di 4.878 Km ed è il più vicino al Sole (Perielio: 0,31 UA - Afelio: 0,47 UA). Il periodo di rivoluzione intorno al Sole si compie in 87,97 giorni terrestri, quello di rotazione intorno al proprio asse in circa 59 giorni terrestri. A causa del lungo periodo di rotazione, Mercurio mostra per lungo tempo la stessa faccia al Sole, che è particolarmente vicino. Per questo motivo la temperatura superficiale nelle zone illuminate raggiunge valori notevoli (427 °C) e scende bruscamente (-173 °C) nelle zone in ombra. Mercurio è privo di acqua e l'atmosfera è quasi inesistente. L'assenza di atmosfera accentua l'escursione termica e si riflette nella mancanza di alterazione e modellamento della superficie. Così mercurio si presenta morfologicamente inalterato rispetto al momento della sua formazione. Si ritiene che il pianeta abbia un nucleo metallico, simile a quello terrestre. Non possiede satelliti.
Venere - Il Pianeta Velato
Venere è noto fin dalla preistoria, può essere facilmente osservato a occhio nudo nel cielo, prima del sorgere del Sole o appena dopo il tramonto, anche perchè è particolarmente luminoso: le dense nubi che lo circondano, infatti, riflettono fortemente la luce solare. Per lungo tempo gli astronomi, osservando Venere al mattino e alla sera, ritennero che fossero due astri diversi, ai quali diedero il nome di Lucifero e Stella del Vespero. Venere ha diametro equatoriale di 12.104 Km e le distanze da Sole sono le seguenti: Perielio 0,72 UA e Afelio 0,73 UA. Inoltre, ruota intorno al suo asse molto lentamente e in senso retrogrado. Grazie a una forza di gravità simile a quella della Terra è in grado di trattenere un'atmosfera molto densa e secca, che impedisce la visione diretta della sua superficie. A causa della grande percentuale di biossido di carbonio (CO2). L'atmosfera causa l'effetto serra: intrappola e assorbe le radiazioni infrarosse che la superficie del pianeta emette quando è riscaldata dal Sole. Venere è perciò un pianeta caldissimo: la sua temperatura media diurna si aggira intorno ai 460°C. Non possiede satelliti.
Terra - Il Pianeta Blu
La Terra è il terzo pianeta del Sistema Solare ed è un pianeta unico, perchè la caratteristica più significativa è la presenza di vita. Al momento non sono state trovate tracce di vita su altri corpi del Sistema Solare. La Terra compie due movimenti importanti che regolano la vita dell'uomo e di tutti gli altri organismi : rotazione, rivoluzione. La rotazione avviene intorno al proprio asse dura circa 23 h, 56 min e 4 sec ed è responsabile:dell'alternarsi del dì e della notte, della forza centrifuga che determina la forma schiacciata ai poli e rigonfia all'equatore ( raggio polare 6356,9 km raggio equatoriale 6378,4 km ), del sorgere e del tramonto del Sole, della Luna e delle stelle. La rivoluzione avviene intorno al Sole e dura 365 giorni 6 ore 9 min 9,5 sec ed è responsabile dell'alternarsi delle stagioni. Durante questo movimento la Terra descrive un'orbita ellittica ed è per questo che la durata delle stagioni astronomiche varia, secondo quanto specificato nella tabella seguente:

emisf. boreale (nord)

emisf. australe (sud)

inizio

durata

primavera

autunno

21 marzo

93 giorni

estate

inverno

21 giugno

93 giorni

autunno

primavera

23 settembre

90 giorni

inverno

estate

22 dicembre

89 giorni

LA LUNA: ASTRO D'ARGENTO
La Luna è il solo satellite naturale della Terra ed è l'unico corpo celeste su cui l'uomo abbia messo piede: il primo allunaggio è avvenuto il 20 luglio 1969, l'ultimo nel dicembre 1972. La Luna brilla di luce riflessa cioè viene illuminata dal Sole, ha una forza di gravità pari a 1/6 di quella terrestre quindi se sulla Terra un corpo pesa 60 kg sulla Luna peserà 10 kg! Compie due moti principali: rotazione intorno al proprio asse molto lento, sincronizzato con il moto di rivoluzione intorno alla Terra perciò rivolge verso la Terra sempre la stessa faccia; rivoluzione intorno alla Terra, che ha la stessa durata del moto di rivoluzione. A causa della rotazione molto lenta il suolo lunare si riscalda notevolmente durante il lungo dì lunare 107 °C e si raffredda altrettanto rapidamente durante la notte – 153°C. La Luna non ha un'atmosfera e non ha acqua. Distanza media dalla Terra 384.403 km.
Marte - Il Pianeta Rosso
Marte appare in cielo come un corpo rossastro, la sua superficie è osservabile direttamente, dal momento che l'atmosfera è molto rarefatta. Il suo diametro equatoriale è di 6.787 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 1,38 UA e 1,67 UA. Ha un periodo di rotazione e un'inclinazione dell'asse di rotazione simili a quello terrestre, proprio per questo su Marte si alternano vere e proprie stagioni come sulla Terra. La temperatura media superficiale si aggira intorno ai – 62 °C. La forza di gravità è inferiore a quella terrestre e l'atmosfera è molto rarefatta e contiene principalmente biossido di carbonio (CO2) e piccole quantità di azoto. Notevoli quantità di biossido di carbonio solido (ghiaccio secco) si riconoscono nelle calotte glaciali, che variano la loro estensione nel corso delle stagioni. La superficie di Marte mostra i segni di una passata attività vulcanica. L'atmosfera è spesso perturbata da grandiose tempeste di polvere, che resta a lungo sospesa nell'aria conferendo al cielo di Marte una caratteristica colorazione rossastra. Il pianeta ha due piccoli satelliti, Fobos e Deimos, che hanno una forma regolare e si ritiene che siano due asteroidi, catturati dalla forza di gravità del pianeta.
I pianeti Gioviani e Giove - Il Signore dei Cieli
I pianeti Gioviani vengono classificati così perchè: sono privi di un rivestimento solido; massa grande, numerosi satelliti e alta velocità di rotazione (moto del pianeta intorno ad un asse); densità, in media, 1,2 volte quella dell'acqua (Saturno è il pianeta meno denso 0,7 g/cm3). Sono i 4 pianeti esterni: Giove, Saturno, Urano, Nettuno.
Giove è il più grande dei pianeti per superficie e per massa, presenta diametro equatoriale di 142.800 Km. La sua massa è 2,5 volte maggiore della somma di quelle di tutti i pianeti del Sistema Solare e ha un valore tanto grande che potrebbe contenere 1000 pianeti delle dimensioni della Terra. La densità è, invece, relativamente bassa, molto vicina a quella dell'acqua. Manca di una superficie solida e ha una composizione simile a quella del Sole.
Lo strato esterno gassoso è costituito principalmente da idrogeno molecolare (H2) ed elio, mentre all'interno, a causa dell'alta pressione, dovrebbe trovarsi dapprima idrogeno liquido, poi idrogeno metallico. Il nucleo di Giove è compatto e forse contiene ghiaccio e materiali rocciosi. L'atmosfera presenta un aspetto particolare: ha un'intensità luminosa giallastra e una struttura a bande colorate chiare e scure che mostrano macchie e vortici irregolari. La struttura atmosferica più nota è sicuramente la grande macchia rossa: si tratta di una gigantesca perturbazione con una superficie più grande della Terra, un vortice simile ad un ciclone. Nell'atmosfera gioviana sono presenti, oltre all'idrogeno ed elio anche metano (CH4), ammoniaca (NH3)
e vapor d'acqua. Un anno (periodo di rivoluzione intorno al Sole) su Giove dura quasi 12 anni terrestri, mentre un giorno periodo di rotazione intorno al proprio asse dura meno di 10 ore. La temperatura media superficiale non supera i – 148°C. Giove ha 63 satelliti, i più famosi sono i 4 satelliti denominati: Io, Europa, Callisto e Ganimede, scoperti da Galileo Galilei nel 1610 e detti per questo satelliti galileani.
Saturno – Il Pianeta elegante
Saturno è caratterizzato da una grande massa, superficie estesa e densità bassissima, persino inferiore a quella dell'acqua. Il suo diametro equatoriale è di 120.000 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 9,01 UA e 10,07 UA. Risulta composto prevalentemente da idrogeno e da piccole quantità di altre sostanze. Ruota molto velocemente, ma per compiere un'intera rivoluzione intorno al Sole impiega quasi 30 anni. A causa della rapida rotazione e della bassa densità, Saturno presenta un forte schiacciamento polare. Ha una temperatura superficiale media bassissima (- 178 °C). La sua atmosfera contiene elio, metano, ammoniaca, etano e soprattutto idrogeno. La caratteristica più spettacolare è la sottile fascia di anelli (la cui larghezza misura quasi 200 000 km e il cui spessore è di poche centinaia di metri), che si estende intorno al piano equatoriale. Con il telescopio sono visibili i 3 più luminosi, ma in realtà sono almeno 7. Gli anelli sono costituiti da piccoli frammenti solidi, forse ammoniaca allo stato solido, e altre sostanze. Intorno a Saturno sono stati finora scoperti 60 satelliti. Il maggiore è Titano, un corpo roccioso grande quanto Mercurio, molto freddo, dotato di un'atmosfera di azoto e metano.
Urano - il Pianeta "Coricato"
Urano non è osservabile a occhio nudo ed è stato scoperto casualmente con il telescopio da Wilhelm Friedrich Herschel nel 1781. Il suo diametro equatoriale è di 50.800 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 18,28 UA e 20,09 UA. E' l'unico pianeta il cui asse di rotazione giace praticamente sul piano dell'orbita intorno al Sole e sembra che rotoli sulla sua orbita. A causa di questa particolarità, Urano rivolge al Sole uno dei due poli, alternandoli ogni 40 anni. Come Venere ruota in senso retrogrado. L'interno del pianeta dovrebbe essere costituito da tre strati: uno superficiale dove predomina l'idrogeno molecolare, uno intermedio allo stato liquido e un nucleo roccioso. Nella sua atmosfera sono presenti, oltre all'idrogeno, anche elio e metano, principale responsabile della debole colorazione turchese del pianeta. Intorno ad Urano sono visibili numerosi anelli e 27 satelliti (il più noto è Ariel).
Nettuno - il Pianeta Ventoso
Nettuno non è osservabile a occhio nudo ed è stato scoperto solo nel 1846 ma l'esistenza dell'ottavo pianeta era stata ipotizzata osservando le perturbazioni di Urano intorno al Sole. Le conoscenze su Nettuno sono ancora limitate. E' poco più piccolo di Urano ed è circondato da un sistema di anelli.
Il suo diametro equatoriale è di 48.600 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 29,80 UA e 30,32 UA.
Ha la particolarità di girare intorno al Sole con l'asse quasi perpendicolare al piano dell'orbita. Nell'atmosfera sono presenti idrogeno,elio e metano e si osserva una struttura a bande simile a quella di Giove. Il colore azzurro del pianeta è dovuto alla presenza di metano nell'atmosfera. Sono stati osservati violente tempeste,lunghe catene di nubi bianche e cicloni. Sono stati osservati una decina di satelliti, il più grande è Tritone.
Plutone - il Pianeta Ghiacciato
Nell'agosto del 2006 l'Unione astronomica internazionale, la principale associazione internazionale di astronomi, riunita a Praga, lo ha retrocesso al rango di pianeta nano ma fino ad allora è stato il nono pianeta del Sistema Solare. Fin dalla sua scoperta, nel 1930, Plutone ha rappresentato un mistero ai confini del Sistema Solare. Lo " status " di pianeta è stato messo in discussione già nel 1992, quando gli astronomi si sono accorti della presenza di un altro corpo ghiacciato al di là dell'orbita di Nettuno, e subito dopo erano stati scoperti centinaia di corpi simili, che formavano una fascia come quella degli asteroidi, presente tra Marte e Giove, ma molto più larga e massiccia, la fascia di Kuiper.Le caratteristiche fondamentali di Plutone sono: è quasi 40 volte più lontano dal Sole rispetto alla Terra e la luce che riflette è 10 000 volte più fioca di quella visibile ad occhio nudo dalla Terra; il suo tempo di rivoluzione è di 248 anni terrestri (dai tempi della Rivoluzione francese ancora non ha completato la sua rivoluzione!); la temperatura media superficiale si stima intorno ai – 210 °C ed è così bassa da provocare la solidificazione della maggior parte dei gas eventualmente presenti.
Plutone può essere descritto come una palla di ghiaccio sporco. Intorno a Plutone orbita Caronte, un satellite scoperto nel 1978. Plutone e Caronte formano un sistema binario e si muovono in modo tale che Caronte resta sempre in corrispondenza della stessa regione di Plutone ; 4) l'orbita di Plutone è notevolmente schiacciata sull'asse maggiore, per questa ragione è possibile che transiti nell'orbita di Nettuno, come è accaduto dal 1979 fino al febbraio del 1999. Ciononostante non vi è alcuna probabilità che i due pianeti entrino in collisione, perchè i rispettivi piani orbitali sono inclinati e quindi le loro orbite non si intersecano realmente.

Newsletter

Ass. Sentiero Planetario del Monte Terminillo

Centro Regionale di Diffusione

         


HBH