Sole     Mercurio    Venere    Terra    Marte    Giove    Saturno    Urano     Nettuno     Plutone      I Tabelloni
Il Sole - Il Sole, di vitale importanza per gli abitanti del Pianeta Terra, è una stella di medie dimensioni, simile alle altre stelle. Il suo ruolo predominante nella formazione della Terra eImmagine2 nell'evoluzione di tutti gli organismi è dovuto alla sua vicinanza. Alla distanza media di 150 milioni di chilometri la luce impiega solo 8,3 minuti per raggiungere la Terra. Con la luce arrivano il calore e altre forme di radiazioni solari che nutrono la vita sulla Terra e guidano molti dei processi fisici sul nostro pianeta. E' una sfera con un raggio di 700.000 Km (circa 110 volte più grande di quello terrestre) un volume pari a 1.300.000 volte di quello della Terra.
Il nucleo è la sede delle reazioni termonucleari che convertono idrogeno in elio e producono energia. Ha una temperatura di circa 15.000.000 °C.
Nella zona radioattiva, l'energia prodotta nel nucleo viene assorbita dagli atomi di gas che la emettono verso l'esterno (come il calore che proviene dai termosifoni).
Nella zona convettiva, movimenti di grandi masse di gas trasferiscono il calore dalla zona radiativa verso la superficie del Sole, per convezione (movimento analogo all'acqua che bolle in una pentola).
Superficie ed atmosfera del Sole
La superficie del Sole è detta fotosfera, ha un colore giallo, dovuto alla temperatura, che è di circa 6000°C;presenta dei granuli costituiti da masse di gas più calde delle zone circostanti. Sono presenti anche le cosiddette macchie solari (aree depresse più scure e più fredde con temperatura di 5000°C).
L'atmosfera è distinta in due strati:
- la cromosfera, un involucro trasparente di gas incandescente che avvolge la fotosfera;dalla cromosfera si innalzano le protuberanze, lingue luminose di gas che raggiungono altezze variabili tra 20 000 e 40 000 km;
- la corona, un involucro di gas ionizzati (cioè gas i cui atomi possiedono una carica elettrica) che si estende per migliaia di chilometri. Nelle sue parti più esterne le particelle elettrizzate si staccano e si disperdono nello spazio come vento solare.
Il vento solare investe anche la Terra, che ne rimane difesa grazie alla presenza del campo magnetico terrestre (provoca le famose aurore boreali).
I Pianeti Terrestri : Mercurio
I pianeti "terrestri" vengono classificati così perchè: 1) hanno un rivestimento esterno, crosta, costituito da rocce; 2) massa piccola, nessuno o pochi satelliti e bassa velocità di rotazione ( moto del pianeta intorno ad un asse ); 3) densità, in media, superiore a 5 volte quella dell'acqua (il pianeta più denso è la Terra 5.5 g/cm3 ). Sono i 4 pianeti interni: Mercurio, Venere, Terra, Marte.
Mercurio è il più piccolo dei pianeti del Sistema Solare, con diametro equatoriale di 4.878 Km ed è il più vicino al Sole (Perielio: 0,31 UA - Afelio: 0,47 UA). Il periodo di rivoluzione intorno al Sole si compie in 87,97 giorni terrestri, quello di rotazione intorno al proprio asse in circa 59 giorni terrestri. A causa del lungo periodo di rotazione, Mercurio mostra per lungo tempo la stessa faccia al Sole, che è particolarmente vicino. Per questo motivo la temperatura superficiale nelle zone illuminate raggiunge valori notevoli (427 °C) e scende bruscamente (-173 °C) nelle zone in ombra. Mercurio è privo di acqua e l'atmosfera è quasi inesistente. L'assenza di atmosfera accentua l'escursione termica e si riflette nella mancanza di alterazione e modellamento della superficie. Così mercurio si presenta morfologicamente inalterato rispetto al momento della sua formazione. Si ritiene che il pianeta abbia un nucleo metallico, simile a quello terrestre. Non possiede satelliti.
Venere - Il Pianeta Velato
Venere è noto fin dalla preistoria, può essere facilmente osservato a occhio nudo nel cielo, prima del sorgere del Sole o appena dopo il tramonto, anche perchè è particolarmente luminoso: le dense nubi che lo circondano, infatti, riflettono fortemente la luce solare. Per lungo tempo gli astronomi, osservando Venere al mattino e alla sera, ritennero che fossero due astri diversi, ai quali diedero il nome di Lucifero e Stella del Vespero. Venere ha diametro equatoriale di 12.104 Km e le distanze da Sole sono le seguenti: Perielio 0,72 UA e Afelio 0,73 UA. Inoltre, ruota intorno al suo asse molto lentamente e in senso retrogrado. Grazie a una forza di gravità simile a quella della Terra è in grado di trattenere un'atmosfera molto densa e secca, che impedisce la visione diretta della sua superficie. A causa della grande percentuale di biossido di carbonio (CO2). L'atmosfera causa l'effetto serra: intrappola e assorbe le radiazioni infrarosse che la superficie del pianeta emette quando è riscaldata dal Sole. Venere è perciò un pianeta caldissimo: la sua temperatura media diurna si aggira intorno ai 460°C. Non possiede satelliti.
Terra - Il Pianeta Blu
La Terra è il terzo pianeta del Sistema Solare ed è un pianeta unico, perchè la caratteristica più significativa è la presenza di vita. Al momento non sono state trovate tracce di vita su altri corpi del Sistema Solare. La Terra compie due movimenti importanti che regolano la vita dell'uomo e di tutti gli altri organismi : rotazione, rivoluzione. La rotazione avviene intorno al proprio asse dura circa 23 h, 56 min e 4 sec ed è responsabile:dell'alternarsi del dì e della notte, della forza centrifuga che determina la forma schiacciata ai poli e rigonfia all'equatore ( raggio polare 6356,9 km raggio equatoriale 6378,4 km ), del sorgere e del tramonto del Sole, della Luna e delle stelle. La rivoluzione avviene intorno al Sole e dura 365 giorni 6 ore 9 min 9,5 sec ed è responsabile dell'alternarsi delle stagioni. Durante questo movimento la Terra descrive un'orbita ellittica ed è per questo che la durata delle stagioni astronomiche varia, secondo quanto specificato nella tabella seguente:

emisf. boreale (nord)

emisf. australe (sud)

inizio

durata

primavera

autunno

21 marzo

93 giorni

estate

inverno

21 giugno

93 giorni

autunno

primavera

23 settembre

90 giorni

inverno

estate

22 dicembre

89 giorni

LA LUNA: ASTRO D'ARGENTO
La Luna è il solo satellite naturale della TerraTerra ed è l'unico corpo celeste su cui l'uomo abbia messo piede: il primo allunaggio è avvenuto il 20 luglio 1969, l'ultimo nel dicembre 1972. La Luna brilla di luce riflessa cioè viene illuminata dal Sole, ha una forza di gravità pari a 1/6 di quella terrestre quindi se sulla Terra un corpo pesa 60 kg sulla Luna peserà 10 kg! Compie due moti principali: rotazione intorno al proprio asse molto lento, sincronizzato con il moto di rivoluzione intorno alla Terra perciò rivolge verso la Terra sempre la stessa faccia; rivoluzione intorno alla Terra, che ha la stessa durata del moto di rivoluzione. A causa della rotazione molto lenta il suolo lunare si riscalda notevolmente durante il lungo dì lunare 107 °C e si raffredda altrettanto rapidamente durante la notte – 153°C. La Luna non ha un'atmosfera e non ha acqua. Distanza media dalla Terra 384.403 km.
Marte - Il Pianeta Rosso
Marte appare in cielo come un corpo rossastro, la sua superficie è osservabile direttamente, dal momento che l'atmosfera è molto rarefatta. Il suo diametro equatoriale è di 6.787 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 1,38 UA e 1,67 UA. Ha un periodo di rotazione e un'inclinazione dell'asse di rotazione simili a quello terrestre, proprio per questo su Marte si alternano vere e proprie stagioni come sulla Terra. La temperatura media superficiale si aggira intorno ai – 62 °C. La forza di gravità è inferiore a quella terrestre e l'atmosfera è molto rarefatta e contiene principalmente biossido di carbonio (CO2) e piccole quantità di azoto. Notevoli quantità di biossido di carbonio solido (ghiaccio secco) si riconoscono nelle calotte glaciali, che variano la loro estensione nel corso delle stagioni. La superficie di Marte mostra i segni di una passata attività vulcanica. L'atmosfera è spesso perturbata da grandiose tempeste di polvere, che resta a lungo sospesa nell'aria conferendo al cielo di Marte una caratteristica colorazione rossastra. Il pianeta ha due piccoli satelliti, Fobos e Deimos, che hanno una forma regolare e si ritiene che siano due asteroidi, catturati dalla forza di gravità del pianeta.
I pianeti Gioviani e Giove - Il Signore dei Cieli
I pianeti Gioviani vengono classificati così perchè: sono privi di un rivestimento solido; massa grande, numerosi satelliti e alta velocità di rotazione (moto del pianeta intorno ad un asse); densità, in media, 1,2 volte quella dell'acqua (Saturno è il pianeta meno denso 0,7 g/cm3). Sono i 4 pianeti esterni: Giove, Saturno, Urano, Nettuno.
Giove è il più grande dei pianeti per superficie e per massa, presenta diametro equatoriale di 142.800 Km. La sua massa è 2,5 volte maggiore della somma di quelle di tutti i pianeti del Sistema Solare e ha un valore tanto grande che potrebbe contenere 1000 pianeti delle dimensioni della Terra. La densità è, invece, relativamente bassa, molto vicina a quella dell'acqua. Manca di una superficie solida e ha una composizione simile a quella del Sole.
Lo strato esterno gassoso è costituito principalmente da idrogeno molecolare (H2) ed elio, mentre all'interno, a causa dell'alta pressione, dovrebbe trovarsi dapprima idrogeno liquido, poi idrogeno metallico. Il nucleo di Giove è compatto e forse contiene ghiaccio e materiali rocciosi. L'atmosfera presenta un aspetto particolare: ha un'intensità luminosa giallastra e una struttura a bande colorate chiare e scure che mostrano macchie e vortici irregolari. La struttura atmosferica più nota è sicuramente la grande macchia rossa: si tratta di una gigantesca perturbazione con una superficie più grande della Terra, un vortice simile ad un ciclone. Nell'atmosfera gioviana sono presenti, oltre all'idrogeno ed elio anche metano (CH4), ammoniaca (NH3)
e vapor d'acqua. Un anno (periodo di rivoluzione intorno al Sole) su Giove dura quasi 12 anni terrestri, mentre un giorno periodo di rotazione intorno al proprio asse dura meno di 10 ore. La temperatura media superficiale non supera i – 148°C. Giove ha 63 satelliti, i più famosi sono i 4 satelliti denominati: Io, Europa, Callisto e Ganimede, scoperti da Galileo Galilei nel 1610 e detti per questo satelliti galileani.
Saturno – Il Pianeta elegante
Saturno è caratterizzato da una grande massa, superficie estesa e densità bassissima, persino inferiore a quella dell'acqua. Il suo diametro equatoriale è di 120.000 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 9,01 UA e 10,07 UA. Risulta composto prevalentemente da idrogeno e da piccole quantità di altre sostanze. Ruota molto velocemente, ma per compiere un'intera rivoluzione intorno al Sole impiega quasi 30 anni. A causa della rapida rotazione e della bassa densità, Saturno presenta un forte schiacciamento polare. Ha una temperatura superficiale media bassissima (- 178 °C). La sua atmosfera contiene elio, metano, ammoniaca, etano e soprattutto idrogeno. La caratteristica più spettacolare è la sottile fascia di anelli (la cui larghezza misura quasi 200 000 km e il cui spessore è di poche centinaia di metri), che si estende intorno al piano equatoriale. Con il telescopio sono visibili i 3 più luminosi, ma in realtà sono almeno 7. Gli anelli sono costituiti da piccoli frammenti solidi, forse ammoniaca allo stato solido, e altre sostanze. Intorno a Saturno sono stati finora scoperti 60 satelliti. Il maggiore è Titano, un corpo roccioso grande quanto Mercurio, molto freddo, dotato di un'atmosfera di azoto e metano.
Urano - il Pianeta "Coricato"
Urano non è osservabile a occhio nudo ed è stato scoperto casualmente con il telescopio da Wilhelm Friedrich Herschel nel 1781. Il suo diametro equatoriale è di 50.800 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 18,28 UA e 20,09 UA. E' l'unico pianeta il cui asse di rotazione giace praticamente sul piano dell'orbita intorno al Sole e sembra che rotoli sulla sua orbita. A causa di questa particolarità, Urano rivolge al Sole uno dei due poli, alternandoli ogni 40 anni. Come Venere ruota in senso retrogrado. L'interno del pianeta dovrebbe essere costituito da tre strati: uno superficiale dove predomina l'idrogeno molecolare, uno intermedio allo stato liquido e un nucleo roccioso. Nella sua atmosfera sono presenti, oltre all'idrogeno, anche elio e metano, principale responsabile della debole colorazione turchese del pianeta. Intorno ad Urano sono visibili numerosi anelli e 27 satelliti (il più noto è Ariel).
Nettuno - il Pianeta Ventoso
Nettuno non è osservabile a occhio nudo ed è stato scoperto solo nel 1846 ma l'esistenza dell'ottavo pianeta era stata ipotizzata osservando le perturbazioni di Urano intorno al Sole. Le conoscenze su Nettuno sono ancora limitate. E' poco più piccolo di Urano ed è circondato da un sistema di anelli.
Il suo diametro equatoriale è di 48.600 Km e le distanze dal Sole al Perielio e all'Afelio sono di 29,80 UA e 30,32 UA.
Ha la particolarità di girare intorno al Sole con l'asse quasi perpendicolare al piano dell'orbita. Nell'atmosfera sono presenti idrogeno,elio e metano e si osserva una struttura a bande simile a quella di Giove. Il colore azzurro del pianeta è dovuto alla presenza di metano nell'atmosfera. Sono stati osservati violente tempeste,lunghe catene di nubi bianche e cicloni. Sono stati osservati una decina di satelliti, il più grande è Tritone.
Plutone - il Pianeta Ghiacciato
Nell'agosto del 2006 l'Unione astronomica internazionale, la principale associazione internazionale di astronomi, riunita a Praga, lo ha retrocesso al rango di pianeta nano ma fino ad allora è stato il nono pianeta del Sistema Solare. Fin dalla sua scoperta, nel 1930, Plutone ha rappresentato un mistero ai confini del Sistema Solare. Lo " status " di pianeta è stato messo in discussione già nel 1992, quando gli astronomi si sono accorti della presenza di un altro corpo ghiacciato al di là dell'orbita di Nettuno, e subito dopo erano stati scoperti centinaia di corpi simili, che formavano una fascia come quella degli asteroidi, presente tra Marte e Giove, ma molto più larga e massiccia, la fascia di Kuiper.Le caratteristiche fondamentali di Plutone sono: è quasi 40 volte più lontano dal Sole rispetto alla Terra e la luce che riflette è 10 000 volte più fioca di quella visibile ad occhio nudo dalla Terra; il suo tempo di rivoluzione è di 248 anni terrestri (dai tempi della Rivoluzione francese ancora non ha completato la sua rivoluzione!); la temperatura media superficiale si stima intorno ai – 210 °C ed è così bassa da provocare la solidificazione della maggior parte dei gas eventualmente presenti.
Plutone può essere descritto come una palla di ghiaccio sporco. Intorno a Plutone orbita Caronte, un satellite scoperto nel 1978. Plutone e Caronte formano un sistema binario e si muovono in modo tale che Caronte resta sempre in corrispondenza della stessa regione di Plutone ; 4) l'orbita di Plutone è notevolmente schiacciata sull'asse maggiore, per questa ragione è possibile che transiti nell'orbita di Nettuno, come è accaduto dal 1979 fino al febbraio del 1999. Ciononostante non vi è alcuna probabilità che i due pianeti entrino in collisione, perchè i rispettivi piani orbitali sono inclinati e quindi le loro orbite non si intersecano realmente.

 

 

 

Newsletter

Ass. Sentiero Planetario del Monte Terminillo

Centro Regionale di Diffusione

         


HBH